Edicola Manuli

Edicola Manuli


Edicola Manuli

Scheda

Denominazione:
Edicola Manuli, (ex Tetrazzini)
Posizione:
Riparto XIII, sp. 413
Autore:
Achille Alberti (Scultore)
Data esecuzione:
1926-1929

L’edicola Manuli (ex Tetrazzini) è situata nel riparto XIII del Cimitero Monumentale. L’esterno dell’edicola è costituito da un grosso cubo in granito, a cui si accede tramite un portale decorato con angeli che suonano le trombe del giudizio e portano con sé corone di fiori. Anche i lati presentano degli inserti decorativi, da una parte, un angelo con violino e, dall’altra, un albero della vita accostato a una cetra, riprendendo il motivo musicale che fa da tratto d’unione fra tutti gli elementi che adornano l’edicola.
La sommità dell’edicola è arricchita dalla presenza di un gruppo scultoreo in bronzo, che vede la figura di una cantante incoronata dall’Angelo della Fama con la corona d’alloro e una Musa, chinata su una cetra con atteggiamento pensieroso.
Passata in concessione alla famiglia Manuli nel 1985, in origine l’edicola era stata eretta per la famiglia Tetrazzini, celebrando in particolare le sorelle Luisa (1871 – 1940) ed Eva (1862 – 1938), cantanti liriche di grande fama, la cui carriera ha ispirato le sculture che decorano la sepoltura.
L’edicola è stata realizzata dall’ingegnere Mario Beretta e dallo scultore Achille Alberti (1860 – 1943), autore delle sculture in bronzo e degli interni affrescati, purtroppo andati perduti nel tempo. Formatosi all’Accademia di Brera, Alberti è stato scultore, pittore e autore di opere litografiche, realizzando numerosi bronzi, gessi, marmi e tele. Artefice di numerose opere presenti al Monumentale, fra le sue opere più note si ricordano le grandi statue che decorano la facciata del palazzo della Borsa di Milano. Con il cambio di concessione dell’edicola, i restauri sono stati affidati all’architetto Enrico Panzeri (1938).

 

S.C.