Monumento Omodeo

Monumento Omodeo


Monumento Omodeo

Scheda

Denominazione:
Monumento Omodeo
Posizione:
Rialzato B di Ponente, spazio 1489-1493
Autore:
Odoardo Tabacchi (scultore)
Data esecuzione:
1876, 1930

Tra le numerose e ravvicinate sepolture presenti nel Rialzato B di ponente del Cimitero Monumentale, non si può non notare il monumento funebre della famiglia Omodeo. Una figura femminile pensosa è scolpita in marmo bianco di Carrara. Il suo titolo è Memore Omaggio, tipico tema dell’iconografia funeraria di fine Ottocento: la donna, dolente, tiene in mano una corona di fiori, segno di riconoscenza ai defunti, mentre le sue vesti eleganti tra ricami e balze, sono ricche di dettagli descrittivi. Alle sue spalle le conferisce importanza una quinta di sfondo traforata in marmo Bovaglio grigio levigato; l’intera struttura si poggia su una base in granito di Biella.

Voluta dai coniugi Angelo e Giuseppina Omodeo alla scomparsa del figlio Marino, giovane ingegnere morto a soli ventisei anni nel 1929 a seguito di un incidente di volo, questa sepoltura ospiterà successivamente anche i genitori del ragazzo. Il padre, Angelo Omodeo (1876-1941), originario di Mortara (PV) e laureatosi in Ingegneria Civile al Politecnico di Milano, è stato un noto ingegnere esperto di costruzioni idrauliche e idroelettriche. Molto attivo in Italia nella messa in opera di dighe fu spesso chiamato anche all’estero in qualità di consulente di prestigio per opere di irrigazione, bonifica e produzione idroelettrica; dall’Albania alla Francia, dalla Spagna all’Egitto, lavorò persino in Russia. In Sardegna porta il suo nome uno dei bacini artificiali più grandi d’Italia sorto grazie ai suoi studi: il Lago Omodeo.

Il progetto del monumento funebre, approvato nel luglio 1930, reca la firma dell’architetto Guido Sartirana (1875-1971) autore al Monumentale, tra il 1908 e il 1909, anche della bella edicola Michiel (Riparto XI, spazio 232). La scultura in marmo della sepoltura Omodeo, capolavoro del verismo milanese di tardo Ottocento, è invece un’opera dello scultore varesotto Tabacchi già terminata nel 1876 per un’altra sepoltura. Odoardo Tabacchi (1831-1905), formatosi all’Accademia di Brera a Milano, raggiunse la fama in città realizzando con Antonio Tantardini (1829-1879) tra il 1862 e il 1865 il monumento a Cavour nella piazza omonima.

 

M.C.      

 

Questo Monumento è parte dei seguenti percorsi in evidenza:
- Il femminile nell’arte funeraria del Monumentale
- La Moda al Monumentale

In evidenza

Il femminile nell’arte funeraria del Monumentale
Il femminile nell’arte funeraria del Monumentale

Il femminile nell’arte funeraria del Monumentale

La Moda al Monumentale
Monumento Omodeo

La Moda al Monumentale